Tipi di CV
Il CV cronologico

CV cronologico: Come scrivere un CV cronologico?

Il CV Cronologico è il CV come lo conosciamo, classico, che comprende le esperienze professionali una per una, organizzate secondo una classificazione per data.

Questa classificazione può presentare ogni esperienza dalla più recente, o dalla più vecchia, a vostra scelta.

È una grande risorsa per alcuni profili, e può non aiutarne altri.

Should you opt for the chronological CV ? How do you write it and organise it ? Our thoughts on the Chronological CV.

CV cronologico: quali sono i vantaggi e gli svantaggi del CV cronologico?

Il Curriculum Vitae Cronologico è un modello di CV tra gli altri, ci sono anche i CV combinati, e i CV funzionali. Inoltre, la scelta del tuo CV dovrebbe dipendere dal tuo background professionale e dalle risorse che desideri mettere in evidenza.

Quali sono i vantaggi del CV cronologico?

Il CV cronologico serve a profili che si sono evoluti nello stesso tipo di posizione, in quanto mostrano una progressione nel tempo: l'assunzione di responsabilità, l'evoluzione nel grado e le prestazioni ottenute con il passare degli anni. Quindi, se hai sempre lavorato nella stessa professione e hai ottenuto promozioni e risultati di anno in anno, questo tipo di CV fa per te.

Se non ti sei evoluto all'interno dello stesso tipo di posizione, ma hai accumulato un'esperienza relativa che dimostra una reale volontà di evolvere nel tempo, questo CV servirà anche come base per la tua candidatura.

Lo scopo di un CV cronologico è quello di mostrare che c'è un filo conduttore nel tuo sviluppo professionale, e che stai sempre progredendo. È più facile da analizzare per i recruiter perché rivela una vera e propria scia di briciole di pane nella tua carriera professionale.

Meeting

Quali sono gli svantaggi del CV cronologico?

Tuttavia, questo tipo di CV presenta alcuni svantaggi per alcuni profili.

Se hai dei "buchi" nel tuo percorso di carriera, e hai trascorso uno o più anni senza attività, allora questo tipo di CV non ti sarà utile, poiché il recuiter si chiederà cos’hai fatto durante questo periodo, e parlerà di questo "difetto" nel tuo curriculum. Se questo è il tuo caso, optate invece per il CV funzionale.

Se hai un percorso di carriera "disarticolato", e hai avuto una serie di esperienze professionali non correlate, e quindi che non sono necessariamente maturate negli anni in termini di responsabilità o obiettivi, allora anche il CV cronologico può essere dannoso per te, in quanto mostrerà ambivalenza nel tuo profilo e instabilità a livello professionale.

In questo caso, scegli il CV funzionale o il CV combinato.

CV cronologico: Come scrivere un CV cronologico?

  • La sezione "Obiettivo" ti introduce brevemente e definisce i temi della posizione per la quale ti stai candidando. Deve dimostrare che sai di cosa si tratta e che questo progetto si inserisce concretamente nel tuo settore di competenza e nella tua carriera professionale. Non esitare a consultare la nostra pagina dedicata. « Obiettivo ».

  • La sezione "Formazione": elenca uno per uno i tuo corsi di formazione in ambito scolastico e pedagogico. Deve essere completo per mostrare le tue conoscenze teoriche e la tua capacità di analizzare e sintetizzare. Se hai seguito un corso di formazione professionale, questa sezione deve dimostrare che hai le basi necessarie per svolgere il tuo lavoro e che hai un certo valore aggiunto sul mercato del lavoro grazie alle tue qualifiche. Non esitare a consultare la nostra pagina dedicata. « Formazione ».

  • La sezione "Competenze": deve elencare una per una ciascuna delle tue competenze significative per la posizione. Deve includere le qualità dovute alle tue capacità interpersonali (empatia, risoluzione dei conflitti, sorriso, ecc...), e le qualità dovute al tuo know-how (gestione del software, capacità di scrittura, ecc...). Non esitare a consultare la nostra pagina dedicata. « Competenze ».

  • La sezione "Esperienze professionali": dovrebbe elencare in ordine cronologico (dal più vecchio al più recente), o in ordine anticronologico (dal più recente al più vecchio), ciascuna delle tue esperienze professionali. Devi includere i titoli delle posizioni che hai ricoperto, gli obiettivi principali di ogni posizione, le date in cui le hai ricoperte e le aziende per le quali hai lavorato. Puoi anche aggiungere le tue referenze in questa sezione, o creare un piccolo inserto discreto in un angolo del tuo CV (in basso a sinistra o a destra) per elencare le persone che il tuo recruiter dovrebbe contattare. Non esitare a consultare la nostra pagina dedicata a questa sezione. « Esperienze professionali ».