Fare il CV
Scrivere le tue esperienze professionali

L’esperienza professionale sul tuo CV

Il curriculum vitae comprende varie sezioni, tra cui la più centrale: l'esperienza professionale.

Come suggerisce il nome, l'esperienza professionale comprende tutte le professioni che hai esercitato nel corso della tua carriera.

È quindi il principale referente del tuo potenziale nuovo datore di lavoro, colui che leggerà il tuo CV. È questa parte che interessa maggiormente il recruiter, ed è anche quella che farà la differenza a tuo vantaggio o meno.

Esperienze lavorative sul tuo CV: mostra una progressione

Per quanto riguarda la presentazione della sezione "Esperienze professionali", è importante che la tua evoluzione all'interno di posizioni e/o aziende mostri una progressione: gerarchica, salariale, di livello di competenze... è sempre importante che riporti i progressi verso un obiettivo ben definito.

Naturalmente, nei nostri CV abbiamo spesso esperienze che non si inseriscono perfettamente nella progressione che vogliamo dimostrare.

In questo caso, avete 2 scelte:

  1. Ordinare le esperienze professionali identificate. Perché alcune potrebbero non essere rilevanti per il tuo background. Non esitare a "dimenticare" alcune posizioni, potrebbero mettere in discussione la vostra assunzione se non corrispondono a quella a cui state puntando.

  2. Presentare ciascuna di queste esperienze in modo tale da dimostrare che alla fine hai progredito verso il tuo obiettivo personale.

Esperienza professionale sul vostro CV: la presentazione

Per presentare l'esperienza personale, devi nominare il datore di lavoro, indicare il periodo di tempo in cui hai lavorato per lui, il nome della tua posizione, le responsabilità e i risultati ottenuti a tuo credito.

Sono soprattutto queste ultime due categorie che possono permetterti di "assorbire" le tue precedenti posizioni nella progressione che desideri mostrare attraverso il tuo CV.

È possibile "reindirizzare" leggermente le esperienze verso responsabilità commisurate alle responsabilità della nuova posizione che si sta cercando, e lo stesso vale per i risultati ottenuti.

Esperienza professionale sul vostro CV: il processo di selezione

Inoltre, non esitare a includere esperienze professionali meno tradizionali come stage, lavori estivi, formazione professionale, o anche alcune realizzazioni personali (nella sezione "Altro" o "Varie" in fondo al CV), che potrebbero essere utili per il tuo progetto.

Dovresti considerare il tuo CV come un argomento per dimostrare che hai tutte le qualità necessarie per soddisfare i requisiti della posizione per la quale stai cercando di essere assunto.

Di solito si ritiene che solo gli ultimi 10-15 anni di occupazione debbano essere inclusi in un curriculum vitae.

Gli altri possono essere brevemente riassunti in un inserto intitolato "Inizio di carriera", in cima alla lista delle esperienze professionali.

Tuttavia, come già detto, non sempre è necessario includere tutte le proprie esperienze se alcune non sono rilevanti e, soprattutto, dal punto di vista organizzativo e nell'interesse della brevità, può essere interessante raggruppare alcune esperienze in una breve frase:

- Esperienza come cameriera alla "X" dal 2002 al 2004, alla "Y" dal 2004 al 2006, poi come commessa nel negozio "Z" dal 2007 al 2008. Questo processo ti aiuterà a valorizzare le esperienze giuste, e quindi a mettere in evidenza il tuo profilo.

Esperienze di lavoro sul tuo CV: suggerimenti

  • Sii coerente nella presentazione: stesso tipo di bullet point, stessa spaziatura delle linee, grassetto, corsivo, ecc. per ogni descrizione del lavoro.

  • Nella descrizione del lavoro, non limitarti ad elencare le tue missioni una dopo l'altra, seleziona solo ciò che è coerente con la tua ambizione professionale e presentalo.

  • Descrivi le tue responsabilità con parole d'azione, abbastanza forti da mostrare ciò di cui sei capace. Uno studio del 2017 ha dimostrato che i recruiter privilegiano i CV che includono verbi relativi al settore di appartenenza: dirigere, negoziare, creare, progettare...

  • Cercate di quantificare, ove possibile, i progressi compiuti: aumento del fatturato del 30%, raddoppio della base clienti, ecc...

Esperienza professionale sul tuo CV: consigli per i giovani laureati

Spesso è difficile per un giovane laureato scrivere un CV gratificante e convincente, poiché spesso ha poca o nessuna esperienza.

Ad esempio, si può essere tentati di troncare alcuni dettagli, titoli o termini e condizioni contrattuali.

Attenzione, però, non si è mai al sicuro da un recruiter scrupoloso che controlla il proprio background! La soluzione più semplice rimane quella di giocare la carta dell'onestà e allo stesso tempo di farsi notare: elencare solo le qualità che ci si aspetta per la posizione per la quale ci si candida nelle proprie esperienze, non esitare a parlare di stage in aziende che includano punti importanti da evidenziare durante un eventuale colloquio, e non perdere alcune qualità che sono essenziali agli occhi di molti reclutatori (gestione del tempo, senso di responsabilità, ecc...).

Se stai pensando di menzionare i tuoi progetti accademici nella sezione "Esperienze professionali", sappi che i recruiter non sono molto sensibili a questo aspetto, poiché questi progetti sono spesso troppo teorici per loro.

Esperienza di lavoro sul tuo CV: consigli per i senior manager

Non evidenziare le esperienze inconcludenti, basate le tue informazioni solo su dati quantificabili e mostra come hai cambiato la situazione tra il tuo arrivo e la tua partenza. Quello che i recruiter vogliono nel tuo caso è vedere che sei pronti a fare la differenza.

Employe avec un CV créé sur ExpressCV